La Leonida pubblica “Viva Verdi” dello scrittore napoletano Vittorio Martucci
Date: Giovedě 30 novembre 2017 @ 15:46:45 CET
Argomento: Musica Arte Cultura


Sempre più intensa l’attività della Leonida Edizione che ha valicato sia i confini regionali che quelli nazionali diventando con la collaborazione Giorgiana una casa editrice internazionale. L’ultima uscita il romanzo Viva Verdi dello scrittore napoletano Vittorio Martucci, a cura di Valentina Mallamaci.



Gallico (RC) - La Leonida Edizioni pubblica il romanzo Viva Verdi dello scrittore napoletano Vittorio Martucci.
Dall’introduzione a cura di Valentina Mallamaci:
una storia definita singolare dalla stessa introduzione, che viene suggestivamente trasmessa al lettore attraverso un’originale esposizione diaristica. il titolo, in un certo senso provocatorio nell’uso fuori contesto di una famosa locuzione storica, punta da subito a coinvolgere il lettore in una querelle fra wagneriani e antiwagneriani supportata da significativi riferimenti filosofici e letterari (Nietzsche,Catullo, Baudelaire) oltre che da esempi di vicende narrate, allo stesso tempo, con umiltà e ricchezza d’animo. La potenza delle descrizioni coinvolge immediatamente, permettendo quasi di rivivere quelle scene, sentirne le musiche, vederne
gli ambienti, i personaggi, percepirne l’atmosfera sublime, ciò grazie anche alle calzanti scelte formali (diario) che consentono di entrare in una personale quotidianità. Non è facilmente immaginabile che la passione per un artista possa portare un individuo addirittura a far scandire la propria vita da quelle opere, una vita a ritmo di Wagner! eppure l’autore in questo testo ci riesce superlativamente, permettendo al lettore di seguire il percorso evolutivo della passione musicale del protagonista e non solo. Sensazioni contrastanti emergono: “quanti godimenti e quanta angoscia, quanti ardori e quante palpitazioni, quanto liquore sempre
attinto e quanta sete mai spenta” si dice in una lettera... in conclusione, certamente una narrazione inattesa, originale ed evocativa che lascia chi legge con una buona dose di curiosità verso non solo i contenuti stessi ma, perché no, verso la scoperta di ulteriori dettagli o “rivelazioni”!
 







Questo articolo viene da Nuovo Giangurgolo News
http://www.nuovogiangurgolo.it

L'URL per questa storia è:
http://www.nuovogiangurgolo.it/modules.php?name=News&file=article&sid=3557